sabato 5 maggio 2018

Relazioni pericolose

Per tutto il mese di maggio, sarà possibile prenotare una consulenza gratuita sulla genitorialità telefonando al 347.58.74.157 oppure inviando una e-mail a: cicerimariangela@gmail.com 

 
dott.ssa Mariangela Ciceri
ricevo in Alessandria il venerdì mattino e pomeriggio 
presso il Centro Umanistico  
via Pisacane 29 Alessandria
per appuntamenti: 347.58.74.157
 
 

Tutti abbiamo bisogno d'amore.
La psicologia sociale ha dimostrato da tempo che l'uomo è un animale sociale che riesce a definire la propria identità e individualità, confrontandola e confrontandosi nella relazione con gli altri.  
Il processo inizia con la prima esperienze di relazione che facciamo: quella materna. Crescendo reitereremo, amplificheremo, cambieremo quei comportamenti sperimentati e risultati inefficaci. O almeno dovremmo farlo.
Ci sono tuttavia situazioni in cui uomini e donne, pur avendo vissuto relazioni di coppia inadeguate che hanno causato sofferenza, frustrazione, dolore e delusione, tendono a ricercare la stessa tipologia di partner, ritrovandosi in breve, nella stessa insofferente situazione già vissuta.
Vediamo quali sono le ragioni che inducono a scegliere una persona, ipotizzando che possa essere l'Amore della nostra vita.
La nostra metà ideale, il più delle volte viene scelta in modo irrazionale.
Per le persone abituate a compiere scelte di vita o professionali basate sul ragionamento, l'esperienza può essere destabilizzante. 
L'innamorarsi è un processo che inizia e si sviluppa a livello emotivo, soddisfacendo quei bisogni inconsci di cui non siamo consapevoli e ha le sue radici nella relazione avuta in precedenza con le figure di accudimento (genitori).
Se siamo state bambine felici cercheremo nell'uomo ideale quegli aspetti (caratteriali e non) che erano tipici del genitore di sesso opposto.
Il ragionamento vale ovviamente anche nel caso degli uomini.
Se invece abbiamo della nostra infanzia un ricordo negativo, cercheremo un uomo che sia l'opposto di ciò che è stato nostro padre.
La ragione è semplice: nel primo caso stiamo cercando di ricreare la situazione di accudimento persa, nel secondo un modo per 'guarire' dalle cicatrici delle ferite riportare.
Il problema è che in quest'ultimo caso, il bisogno di consolare  e mettere quindi a tacere una parte di noi, rischia di condizionare il nostro modo di scegliere l'altro.   
Quando accade e siamo convinti di aver trovato la persona giusta per noi, in realtà ci siamo innamorate dell'idealizzazione di lui. E la delusione sarà la conseguenza più immediata.
Consapevolizzare e concretizzare le aspettative nella relazione e comprendere quanto siamo disposti a mediare il nostri bisogni con quelli di chi abbiamo accanto, permetterà di intraprendere un viaggio tra adulti, lasciando la compensazione di bisogni infantili ad altre figure professionali.
 

Copyright © 2018 Mariangela Ciceri - L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via e-mail, saranno immediatamente rimossi

 





Nessun commento:

Posta un commento